Baccarat a Torino

negozio

1764 - Nasce una vetreria a Baccarat

Luigi XV concede al Vescovo di Metz, Louis de Montmorency-Laval, l’autorizzazione per fondare una vetreria nel villaggio di Baccarat, in Lorena, sulle sponde del fiume Meurthe. Nel 1775, la vetreria prende il nome di “vetreria Sainte-Anne”.

1816 - Da vetreria a cristalleria

L’imprenditore Aimé-Gabriel d’Artigues, proprietario della cristalleria e vetreria Vonêche (Belgio) rileva la vetreria Sainte-Anne e la trasforma in cristalleria.

1823 - Primo ordine regale

Baccarat riceve il suo primo ordine prestigioso: un servizio di calici commissionato da Luigi XVIII.
Il re francese viene presto imitato da Carlo X e da Luigi Filippo.

1827 - Prima cristalleria a produrre lampadari a bracci.

All’Esposizione Nazionale di Prodotti dell’Industria francese, Baccarat è la prima cristalleria francese a presentare dei lampadari a bracci (un progetto che stava sviluppando sin dal 1824).

1832 - Baccarat apre uno showroom a Parigi

Baccarat apre la sua prima boutique parigina al n°30 bis rue de Paradis.
Il negozio è gestito dalla società Launay, Hautin et Cie.

1835 - Una politica sociale esemplare

Baccarat promuove una politica sociale all’avanguardia istituendo delle polizze assicurative per i tagliatori di vetro della fabbrica.
Avvia, nel 1851, una politica di pensionamento e promuove l’istruzione gratuita per i figli degli operai (dal 1827 per i bambini e dal 1868 per le bambine).
La Cristalleria ha ricevuto numerosi riconoscimenti per la sua politica sociale, in particolare alle Esposizioni Universali di Parigi del 1889 e del 1900.

1839 - Produzione di pezzi in cristallo colorato

Baccarat è la prima cristalleria a produrre cristallo colorato in Francia, un primato che le vale la medaglia d’oro all’Esposizione Nazionale di Prodotti dell’Industria.
Baccarat continuerà a primeggiare in quest’arte, in particolare con l’invenzione dei famosi colori oro, rosso rubino e opalina.

1841 - Nasce il servizio Harcourt

Baccarat crea il servizio Harcourt; la sua foggia classica e senza tempo lo ha reso l’emblema del marchio e un bestseller internazionale.
La celebre sfaccettatura a taglio piatto intensifica la luce nel cristallo.

1855 - Supremazia nel mondo dell’illuminazione

Il successo internazionale della Cristalleria arriva con la prima Esposizione Universale di Parigi e la presentazione dei candelabri alti più di cinque metri e dei lampadari a bracci con 140 luci.
Baccarat acquisisce così la leadership nel settore dell’illuminazione, una posizione che rafforzerà ulteriormente nel 1896 inventando un metodo che consente di modificare i lampadari a bracci e di adattarli per poter utilizzare l’elettricità.

1860 - Registrazione del marchio Baccarat

Il 29 ottobre, il marchio Baccarat viene registrato presso il tribunale di commercio di Parigi.
Il marchio, stampato su un’etichetta di carta e raffigurante una bottiglia, un bicchiere da vino e un tumbler inseriti all’interno di un cerchio, verrà apposto, da questo momento in poi, su ogni singolo prodotto.
Dal 1875, il nome “Baccarat” verrà scritto in stampatello e in rilievo sui pezzi stampati.

1867 - Presentazione di pezzi eccezionali

Durante la seconda Esposizione Universale di Parigi, Baccarat presenta un paio di magnifici vasi in cristallo trasparente con rivestimento color rubino, incisi a rotina da Jean-Baptiste Simon, e una fontana in cristallo alta sette metri.

1878 - Presentazione di pezzi eccezionali

Alla terza Esposizione Universale di Parigi, Baccarat presenta un incredibile capolavoro: il Tempio di Mercurio, un tempio in cristallo alto cinque metri.

1886 - Aumentano le esportazioni

Baccarat apre delle agenzie commerciali in India (Bombay), a Cuba (L’Avana) e in Argentina (Buenos Aires).
L’espansione prosegue anche negli anni seguenti con l’apertura di boutique nella regione di Tonchino (Hanoi), in Uruguay (Montevideo) e a Mexico City.
Le esportazioni, grazie a queste agenzie internazionali e agli incessanti sforzi dei suoi “grands voyageurs,” che viaggiano da un capo all’altro del mondo, continuano ad aumentare.
Arrivano ordini prestigiosi da Maharajah indiani, dall’Impero Ottomano, dagli Zar russi, dal Giappone e dall’America Latina.

1899 - Realizzazione di un calice per il Palazzo dell’Eliseo

Il presidente francese Emile Loubet sceglie, per il Palazzo dell’Eliseo, i calici Juvisy, una linea con un fluido motivo con taglio a losanga, decorata con un medaglione con incise le iniziali “RF” (“Repubblica Francese”).

1906 - Realizzazione di un calice per la corte russa

Creato per lo Zar Nicola II, il servizio di calici Tsar, in cristallo trasparente con rivestimento colorato e completamente inciso, è stato ordinato da principi, aristocratici e figure di spicco della Corte Imperiale russa.
(il cosiddetto “candelabro dello Zar” è stato presentato all’Esposizione Universale del 1878. Nel 1896 viene costruita la "fornace russa", dedicata esclusivamente alla produzione degli ordini speciali provenienti dalla Russia.)

1907 - Produzione di flaconi per profumi

Prima cristalleria a creare flaconi per profumi (attività iniziata durante il Secondo Impero), Baccarat produce 4.000 flaconi al giorno per aziende come Coty, Guerlain, Houbigant, Bourgeois, ecc.

1916 - Georges Chevalier, il primo designer di Baccarat

Georges Chevalier, un membro della Société des Artistes Décorateurs, è il primo artista a collaborare con Baccarat. Chevalier rivoluziona il repertorio della Cristalleria e, negli anni ’20, rende moderna la sua immagine.
Le sue creazioni sono la prova vivente del suo grande talento creativo e della sua enorme abilità con il cristallo; il suo approccio deciso e il gusto stilistico impeccabile sono stati un grande valore aggiunto per Baccarat.

1936 - Il marchio Baccarat: dalla carta all’incisione

La firma di Baccarat viene apposta sistematicamente su ogni prodotto; le etichette di carta vengono sostituite da un marchio inciso con acido.
Nel 1990, il logo Baccarat viene applicato con il laser (oggi, tutte le firme Baccarat sono incise a sabbia).
Successivamente, le linee di gioielli vengono firmate con un unico logo e, dal 1997, tutti i lampadari a bracci sfoggiano un pendente in cristallo rosso.

1948 - Apertura di una filiale in America: Baccarat Inc

Baccarat Inc., una filiale americana, apre con la creazione della prima boutique americana di Baccarat sulla 57a strada a New York City.

1964 - Il bicentenario di Baccarat

La Cristalleria celebra il suo bicentenario a Parigi.
Il Museo delle Arti Decorative all’interno del Louvre organizza un’ampia retrospettiva in onore dei 200 anni di successi di Baccarat.

1984 - Apertura di una filiale in Giappone: Baccarat Pacific K.K.

La rapida espansione del mercato asiatico richiede la creazione di una nuova filiale, Baccarat Pacific, con sede a Tokyo.

1992 - Creazione di una linea di gioielli

Baccarat lancia la sua prima collezione di gioielli. Collaborano con Baccarat i più creativi designer contemporanei – tra i quali figurano Catherine Noll (collezione Coquillage, 1993), Peggy Huynh Kinh (collezione Blade, 2008), Philippe Airaud (collezione Facettes, 2009), Stefano Poletti (collezione Pampilles, 2009) ed Elie Top (collezione Bouchons de Carafe, 2010).

1996 - Prima collezione “Rencontre” di Mathias

La prima collezione “Rencontre” in collaborazione con il celebre designer Mathias (collezione Shéhérazade), è un esempio dell’unione creativa istauratasi tra Baccarat, i suoi artigiani del vetro e il designer.

2002 - La collezione di Philippe Starck

Philippe Starck reinterpreta il lampadario a bracci in cristallo nero Zénith e, nel 2005, crea la collezione Darkside.

2004 - La collezione “Rencontre” di William Sawaya

Collaborazione con l’architetto-designer William Sawaya (vaso con cactus Sahtel Bourj rosso rubino).

2005 - Starwood Capital, azionista di maggioranza di Baccarat

Starwood Capital rileva la Société du Louvre e diventa pertanto l’azionista di maggioranza di Baccarat.

2006 - La collezione di Kenzo Takada

Ispirandosi alle sue origini asiatiche, Kenzo Takada disegna la collezione Lumières d’Asie.

2007 - La collezione di Arik Lévy

Nelle sue collezioni Torch e Fantôme, Arik Lévy reinterpreta liberamente il design del lampadario a bracci tradizionale.

2008 - Apertura della Maison Baccarat di Mosca

Apertura della Maison Baccarat di Mosca all’interno di un prestigioso palazzo in Nikolskaya Street. La Maison Baccarat di Mosca, una magistrale riproduzione del palazzo in cristallo di Parigi, è stata anch’essa progettata da Philippe Starck.

2009 - La collezione “Rencontre” di Jaime Hayon

Il designer spagnolo Jaime Hayon crea la collezione Crystal Candy, un set composto da nove pezzi in edizione limitata che coniugano cristallo e ceramica.

2010 - La collezione “Rencontre” di Marcel Wanders

Prima collaborazione con il famoso designer olandese, Marcel Wanders, che crea la collezione United Crystal Woods: un set da enologia e una gamma di elementi d’arredo in edizione limitata (stupendi vasi e candelabri giganti che coniugano cristallo e ottone massiccio).